Attiva un corso di formazione per la carta del Prof!

Questo strumento consente alle sedi operative IRIFOR di attivare un corso di formazione compatibile con i requisiti richiesti dalla carta del Prof, riservata a docenti curriculari e di sostegno.

Prima di procedere, leggere con attenzione il regolamento sottostante.

1. Premessa

L’attuale situazione della formazione dei docenti di sostegno rende indispensabile la realizzazione di un percorso formativo di qualificazione per l’insegnamento agli alunni con disabilità visiva.

La legge 107/2015, meglio conosciuta come la Buona Scuola, prevede la Carta del Prof, una speciale carta elettronica che assegna ad ogni docente di ruolo un budget di 500,00 € annui per sostenere le proprie spese utili all’aggiornamento e alla formazione permanente. Tale somma potrà essere spesa in acquisto di libri, software, hardware, abbonamenti a riviste, iscrizione a corsi di formazione ecc.

Per rendere operativa la Carta del prof era però necessario un decreto attuativo da parte del Ministero che avrebbe dovuto essere emanato entro lo scorso 14 Settembre; pertanto, per quest’anno –  ha precisato il Ministro Giannini – il bonus da 500,00 € che avrebbe dovuto essere assegnato attraverso la Carta del Prof, sarà dato per quest’anno in busta paga, forse già con lo stipendio di ottobre.

Per poter offrire formazione a pagamento ai docenti, gli enti interessati devono essere accreditati presso il MIUR ed inseriti negli appositi elenchi. L’IRIFOR è ente accreditato e riconosciuto dal MIUR come riferimento per la formazione dei docenti sulle tematiche tiflodidattiche e tiflopedagogiche; pertanto è questa l’occasione da non perdere!

Nell’invitarvi ad organizzare corsi di aggiornamento, presso la vostra sede, da offrire ad insegnanti curriculari e di sostegno, di seguito – al solo scopo indicativo – lo schema di un percorso formativo  o in più  unità didattiche combinando  le quali potrete strutturare il vostro corso. Consigliamo di non fare corsi troppo lunghi ma di rimanere tra le 20 e le 30 ore, per chi lo volesse ed avesse le risorse necessarie per  la docenza   ,  il percorso proposto per intero (tutte le unità) è di 80 ore.

2. Destinatari dell’attività formativa

Il corso dovrebbe essere previsto per un minimo di 15 ed un massimo di 30 docenti (curriculari o di sostegno), con le seguenti priorità:

  1. Docenti di sostegno privi del tutolo accademico di specializzazione, con a carico un alunno con disabilità visiva.
  2. Docenti di sostegno specializzati e docenti curriculari con a carico un alunno con disabilità visiva.
  3. Tutti gli altri docenti del territorio di competenza della vostra sede operativa.

3. Sede del corso.

Il corso sarà erogato in presenza, presso la vostra sede operativa, oppure, presso strutture da voi appositamente scelte.

4. Periodo di svolgimento

Le sedi  locali possono organizzare liberamente le attività formative di seguito proposte che potranno avere luogo nel periodo dal 30 novembre 2015 al 28 maggio 2016.

5. Obiettivi formativi generali

Fornire ai partecipanti competenze didattiche fondamentali da mettere in campo in presenza di alunni con disabilità visiva, concernenti, nello specifico:

  1. la valutazione delle esigenze formative dell’alunno,
  2. la valutazione delle sue risorse personali e delle esperienze vissute,
  3. l’individuazione degli strumento e delle modalità più efficaci per il conseguimento dei risultati migliori nell’ambito del suo percorso didattico,
  4. l’armonizzazione delle relazioni scuola-famiglia.

6. Metodologia di svolgimento del corso

La scansione settimanale dei giorni e l’impegno orario giornaliero dei corsisti sarà stabilito dal Direttore del corso, individuato dalla vostra sede, con eventuale accordo del Collegio dei Docenti, tenendo conto della compatibilità della frequenza con gli impegni di servizio dei partecipanti.

Il corso sarà distinto in unità didattiche, nelle quali si alterneranno momenti di lezione frontale con momenti di ricerca di gruppo sotto forma di microseminari o di esercitazioni didattiche per l’uso di materiali e per l’apprendimento delle tecniche speciali (modellatura, apprendimento del braille, disegno in rilievo, uso della tecnologia informatica assistiva, ecc).

7. Unità didattiche obbligatorie

I corsi di formazione organizzati dalla vostra sede operativa e compatibili con gli obiettivi formativi indicati dalla Carta del Prof, possono essere costruiti liberamente, utilizzando la prima unità didattica (obbligatoria) seguita da una o più delle unità didattiche descritte di seguito. I contenuti delle singole unità didattiche vengono di seguito espressi in forma generale, in modo da consentire al docente di programmare le attività secondo le proprie modalità di lavoro.

Unità 1 (obbligatoria): Aspetti generali della minorazione visiva.

4 ore di lezione frontale.
Docenti: educatore tiflologico.

  • Definizione legale della cecità e dell’ipovisione;
  • Obiettivi dell’inclusione scolastica: tra diritto allo studio e doveri dell’alunno;
  • Legge 104/1992 e relativi decreti attuativi;
  • La famiglia di fronte alla diversità.

Unità 2: Cecità e ipovisione in età evolutiva

12 ore di lezione frontale.
Docenti: educatore tiflologico.

  • Aspetti psicologici generali relativi allo sviluppo del bambino con disabilità visiva;
  • Conoscenza dell’ambiente, degli spazi e delle cose;
  • Sviluppo e funzioni dei sensi vicari;
  • Condivisione dell’esperienza percettiva;
  • Interazione comunicativa e relazionale;
  • Imitazione e gioco simbolico;
  • Presa di coscienza della propria minorazione visiva.

Unità 3: Strumenti per l’inclusione di alunni con disabilità visiva

14 ore di lezione frontale.
6 ore di attività laboratoriale (suddivise in gruppi a discrezione del docente).
Docenti: educatore tiflologico.
Nota: è consigliato abbinare la presente unità didattica con l’unità didattica n. 2.

  • Attività didattiche inclusive e attività didattiche speciali;
  • Strumenti operativi e strumenti per l’apprendimento;
  • Ausili e strategie didattiche per la rappresentazione grafica;
  • Ausili e strategie didattiche per lo studio della matematica;
  • Ausili e strategie didattiche per lo studio della geometria;
  • Ausili e strategie didattiche per lo studio della storia;
  • Ausili e strategie didattiche per lo studio della geografia;
  • Ausili e strategie didattiche per lo studio della scienze naturali;
  • Ausili e strategie didattiche per lo studio della lingua inglese;
  • Utilizzo e lettura delle tavole tattili;
  • Utilizzo della plastilina in ambito didattico;
  • Tecniche di adattamento del materiale didattico per alunni ipovedenti;
  • Utilizzo di quaderni per alunni ipovedenti;
  • Strumenti specifici per la scrittura utilizzati da alunni ipovedenti.

Unità 4: Diagnosi funzionale, PED e PDF

14 ore di lezione frontale.
6 ore di simulazione stesura PDF e PEI (suddivise in gruppi a discrezione del docente).
Docenti: medico oculista + educatore tiflologico.
Nota: è consigliato abbinare la presente unità didattica con le unità didattiche n. 2 e n. 3.

  • Aspetti specifici della disabilità visiva: impatto delle patologie oculari sulla vita dell’alunno;
  • Disabilità visiva e criteri ICF;
  • Elementi per l’interpretazione della diagnosi funzionale (con particolare riferimento all’ipovisione);
  • Tecniche di osservazione;
  • Programmazione delle attività curriculari e delle attività speciali;
  • Strumenti di analisi per la redazione del PDF;
  • Elementi, strumenti e contesti per la redazione del PED;
  • Strumenti di verifica e valutazione degli obiettivi conseguiti.

Unità 5: Codice di lettura e scrittura Braille

12 ore di lezione frontale.
8 ore di esercitazioni pratiche.
Docenti: educatore tiflologico.

  • Struttura del codice Braille base a 6 punti;
  • Struttura del codice Braille informatico a 8 punti;
  • Lettura del codice Braille da parte delle persone vedenti;
  • Strumenti e tecniche per la scrittura Braille: tavoletta, dattilobraille e stampante Braille;
  • Esercitazioni di scrittura con metodologia ibrida (seriale e fonetica): alfabeto, numeri;
  • punteggiatura e notazione matematica;
  • Strutturazione del layout della pagina;
  • Propedeutica e didattica del Braille.

Unità 6: Tecnologia informatica assistiva

12 ore di lezione frontale.
8 ore di attività laboratoriale (suddivise in gruppi a discrezione del docente).
Docenti: docente di informatica per utenti con disabilità visiva.

  • Tecnologia informatica assistiva di base: lettore di schermo, sintesi vocale e display
  • Braille;
  • Dispositivi di input e didattica della tastiera;
  • Strumenti e tecniche per il trattamento testi;
  • Strumenti e tecniche per la scrittura della matematica;
  • Strumenti e tecniche per la creazione di audiolibri;
  • Sistema OCR;
  • Strumenti e tecniche per la fruibilità delle risorse web e delle opere multimediali;
  • Strumenti per la gestione del diario scolastico.

Unità 7: Didattica della musica

12 ore di lezione frontale.
8 ore di attività laboratoriale (suddivise in gruppi a discrezione del docente).
Docenti: esperto in didattica della musica per utenti con disabilità visiva.
Nota: è consigliato abbinare la presente unità didattica con l’unità didattica n. 6.

  • Problemi connessi con l’educazione musicale;
  • Codice Braille musicale;
  • Software BME2 per la trascrizione della musica.

Unità 8: Orientamento e mobilità in ambito scolastico

8 ore di lezione frontale.
4 ore di attività laboratoriale (suddivise in gruppi a discrezione del docente).
Docenti: istruttore di orientamento e mobilità.

  • Percezione dello spazio nella persona non vedente e ipovedente;
  • Esigenze specifiche di mobilità in ambiente scolastico;
  • Ausili per la mobilità;
  • Tecniche di educazione all’orientamento e alla mobilità;
  • Progettazione degli spazi educativi;
  • Strumenti e tecniche di progettazione di interventi educativi individualizzati.

Unità 9: Attività motoria e disabilità visiva

8 ore di lezione frontale.
6 ore di attività laboratoriale (suddivise in gruppi a discrezione del docente).
Docenti: istruttore di attività motoria e nuoto.
Nota: è consigliato abbinare la presente unità didattica con l’unità didattica n. 8.

  • La conoscenza del corpo in età evolutiva;
  • Attività motorie curriculare e disabilità visiva: aspetti generali;
  • Strumenti e sussidi specifici per ciechi e ipovedenti;
  • Strumenti e sussidi inclusivi;
  • Giochi e attività inclusive in classi ove è presente un alunno con disabilità visiva.
  • Attività extrascolastiche.

8. Suggerimenti per la budgettizzazione delle attività formative.

Il corso di formazione dovrà essere finanziato unicamente attraverso le quote di iscrizione dei partecipanti. Non sarà dunque necessario inviare relativa documentazione di rendiconto spese all’IRIFOR Centrale.

Compenso suggerito per docenza frontale: 42,00 € lorde.

Compenso suggerito per assistenti e tutor: 25,00 € lorde:

Suggeriamo di calcolare la quota di iscrizione per partecipante non solo sulla base delle unità didattiche (e quindi delle ore di docenza e tutoraggio), ma anche tenendo conto della relativa necessità di acquisire materiale didattico che sarà necessario allo svolgimento delle stesse, con riferimento a: ausili dimostrativi, software, strumenti per la scrittura Braille ecc.

9. Utilizzo della piattaforma IRIFOR e-Learning.

A supporto delle attività formative in presenza, la vostra sede operativa IRIFOR potrà richiedere di utilizzare la piattaforma IRIFOR e-Learning al fine di per caricare materiale e svolgere attività didattiche supplementari, quali, ad esempio, ricerche di gruppo, attività di scrittura collaborativa, download ed installazione di software ecc.

10. Convalida delle attività formative e rilascio della certificazione

Al termine del corso, dovrà essere rilasciata una certificazione attestante la frequenza, da parte di IRIFOR Centrale, sensi dell’art. 29 dell’O.M. 169 del  1996. Certificazioni rilasciate dalle sedi operative non saranno valide ai fini della Carta del Prof.

Si ricorda che affinché l’attività possa essere riconosciuta dal MIUR, la sede IRIFOR che organizza il corso dovrà rispettare tutti i seguenti requisiti:

  1. Rilasciare regolare ricevuta della quota di iscrizione.
  2. Compilare il registro online delle presenze (non sarà possibile compilare il registro in differita).
  3. Assumere docenti con i seguenti requisiti:
    1. Educatori tiflologici regolarmente iscritti al relativo Albo Professionale IRIFOR o che prestano servizio in uno dei Centro di Consulenza Territoriale della Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi e della Biblioteca Regina Margherita.
    2. Istruttori di orientamento e mobilità associati ANIOMAP o regolarmente iscritti al relativo Albo Professionale IRIFOR.
    3. Docenti informatici regolarmente iscritti al relativo Albi Professionale IRIFOR.
    4. Medici oculisti abilitati all’esercizio della professione.

11. Attivazione del corso.

Se si procede con l’attivazione del documento verrà chiesto di compilare un formulario con i seguenti contenuti:

  • dati della struttura territoriale;
  • dati del Direttore del corso (persona referente presso L’IRIFOR Centrale);
  • titolo completo del corso;
  • obiettivi formativi (per esteso);
  • unità didattiche di cui si compone il corso (dalla 2 alla 9);
  • data di inizio;
  • data di termine;
  • Modalità di iscrizione;
  • sede di svolgimento;
  • calendario didattico (per esteso);
  • Personale docente;
  • Modalità di iscrizione.

La compilazione del formulario dovrà essere eseguita almeno 45 giorni prima dell’inizio delle attività formative.

Se hai dubbi o richieste di chiarimento, contattaci prima di procedere. Scrivi a comunicazione@irifor.eu.